L'importanza della messa a fuoco

La messa a fuoco è una componente fondamentale di una buona foto. Uno scatto in cui il fuoco non è perfetto è da buttare, a meno che non si tratti di un fuori fuoco creativo e pensato. Gli occhi umani funzionano come obiettivi, anche se tutto ciò che vediamo ci appare nitido e a fuoco è perché i nostri occhi effettuano una focalizzazione continua, adattandosi istantaneamente ad ogni cambio di luce e inquadratura. Possiamo notare però che gli oggetti periferici appaiono come sfocati, questo avviene perché siamo in grado di mettere a fuoco solo ciò che stiamo guardando. La macchina fotografica, come l’occhio umano, si comporta allo stesso modo.



Le macchine fotografiche hanno due tipi di messa a fuoco: automatica e manuale. La messa a fuoco automatica consente al fotografo di concentrarsi sulla composizione della foto, quella manuale permette la massima creatività. Nella messa a fuoco automatica (corrispondente al pulsante A o AF sull’obiettivo), il fotografo inquadra il soggetto, seleziona il punto di messa a fuoco premendo leggermente il pulsante di scatto, verifica se è stato messo a fuoco il soggetto desiderato dalla macchina fotografica e scatta. All’interno della fotocamera le lenti dell’obiettivo si spostano e regolano correttamente la messa a fuoco sul punto prescelto. La messa a fuoco automatica può essere sia attiva che passiva. Con la messa a fuoco attiva la macchina fotografica emette onde ad ultrasuoni/infrarossi e, misurando il tempo di ritorno di queste onde per riflessione, calcola correttamente la distanza dell’oggetto e quindi la messa a fuoco corretta. Si dice passiva, invece, quando la macchina capta la luce emessa dal soggetto puntato dall’obiettivo. La messa a fuoco passiva può avvenire per misurazione del contrasto o rilevamento della fase.


Misurazione del contrasto

È il sistema di autofocus meno complesso, viene usato nei modelli di fotocamere base. Viene utilizzato un sensore secondario (diverso da quello principale utilizzato per le immagini) per rilevare in quale punto l’obiettivo produce un’immagine con il maggior numero di pixel in contrasto. In questo modo la misurazione viene effettuata attraverso la lente effettiva e l’autofocus passivo non utilizza praticamente per niente la misurazione della distanza del soggetto.


Rilevamento della fase

È un sistema più complesso di autofocus e viene utilizzato in gran parte delle Reflex, in pratica la luce della scena viene divisa in due parti poi confrontate dal sensore dell’autofocus che a sua volta da delle indicazioni alla fotocamera per intervenire sull’obiettivo, regolandosi sulle corrispondenze nella luce di entrambe le immagini.


Molte fotocamere hanno due possibili regolazioni di messa a fuoco automatica, singola e continua. L’autofocus a scatto singolo (AF-S su Nikon, ONE SHOT su Canon) potrà essere usato quando il soggetto è quasi totalmente fermo, quindi per scattare ritratti o paesaggi. Viene attivato premendo a metà il pulsante dello scatto, la fotocamera mette a fuoco il soggetto e allora si potrà proseguire con lo scatto completo. Nel caso di autofocus continuo (AF-C su Nikon o AI SERVO su Canon) l’apparecchio mette a fuoco continuamente e bloccherà il fuoco solo quando l’utente premerà a metà il pulsante di scatto. Esiste una modalità “via di mezzo” (AF-A su Nikon e AI FOCUS su Canon) in cui è la macchina fotografica che decide al momento dello scatto come comportarsi, ossia sceglie autonomamente tra una delle due modalità descritte dopo aver analizzato la scena da fotografare. Per esempio se ci sono soggetti fermi viene impostato l’auto-focus in messa a fuoco singola, se ci sono soggetti in movimento viene impostata invece la messa a fuoco continua.


La messa a fuoco manuale consente al fotografo di personalizzare il suo scatto e spesso non basta affidarsi all’autofocus per la riuscita di una buona foto. La macchina fotografica, infatti, potrebbe fare difficoltà a capire dove l’utente desidera il fuoco all’interno del fotogramma, per questo è determinante che sia il fotografo a scegliere dove collocare il punto di messa a fuoco. A seconda della tipologia di fotografia che vi approcciate a scattare, ci sono alcune NORME da seguire per una corretta messa a fuoco:


FOTOGRAFIA DI RITRATTO

Nella fotografia di ritratto è consuetudine regolare la messa a fuoco sugli occhi ed è consigliabile scattare con un obiettivo da 50mm con apertura di diaframma massima 1.4, 1.8. L’essere umano attraverso lo sguardo può comunicare un’ampia gamma di emozioni, per questa ragione dirigere il punto di messa a fuoco sullo sguardo ha un effetto determinante.


FOTOGRAFIA DI PAESAGGIO

A differenza dei ritratti nella fotografia di paesaggio si tende ad avere a fuoco il maggior numero di dettagli possibili. Infatti l’obiettivo non è di far soffermare l’osservatore su di un particolare punto dell’immagine ma di dargli l’idea di essere li a guardare il panorama con voi, per questo motivo il diaframma dovrà essere molto chiuso allo scopo di aumentare la profondità di campo.


MACROFOTOGRAFIA Le macro sono fotografie scattate a distanze molto ravvicinate che evidenziano dettagli spesso non visibili nemmeno ad occhio nudo. La messa a fuoco quindi deve esser fatta con una precisione millimetrica. Per questo motivo è obbligatorio utilizzare un buon treppiede che tenga ben ferma la macchina fotografica.


Quando passare al fuoco manuale

  • Quando si vuole avere il controllo assoluto della macchina fotografica

  • Quando la distanza dal soggetto è troppo ravvicinata

  • In condizioni di scarsa luminosità l’autofocus può avere difficoltà a mettere a fuoco, potete sentire il motore interno dell’obiettivo mentre cerca di catturare un punto abbastanza nitido per completare l’operazione.

  • Quando avete una scena troppo affollata

  • Se volete scattare attraverso finestre, reti, ragnatele.


#fotografia #fotografare #fotografiadiritratto #fotografiadipaesaggio #macrofotografia #autofocus #fuocomanuale #messaafuoco #reflex #mirrorless #lezionidifotografia #foto #comefarefoto #raw #fotografiaallostatopuro #diaframma #profonditadicampo #limportanzadellamessaafuoco

2 visualizzazioni
  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube

© RAW - Shooting Forward by Susanna D'Aliesio - All Rights Reserved - Proudly created with Wix